Programmazione Neurolinguisica


  

PERCHE’ LA PNL?

A questa domanda si potrebbe rispondere con un elenco di “desideri”: mi piacerebbe

-        essere nel giusto stato emotivo per affrontare il mio esame, la mia negoziazione, il mio discorso in pubblico ecc…evitando situazioni di imbarazzo o disagio

-        aumentare la mia autostima

-        aumentare il mio carisma personale

-        comunicare efficacemente con chiunque

-        gestire meglio il mio tempo

-        comunicare in modo coinvolgente, creando e mantenendo attenzione, trasferendo emozione

-        formulare meglio i miei obbiettivi in modo da poterli raggiungere

-        trasformare gli obbiettivi del mio cliente nei risultati che desidera

 

 

COSA SI INTENDE PER PNL?

PNL è un acronimo e sta per Programmazione Neuro-Linguistica.

 

COS’E’ LA PROGRAMMAZIONE NEURO-LINGUISTICA?

 

La Programmazione Neuro-Linguistica è….beh, in effetti, se digitate “PNL” su Google scoprirete, si potrebbe dire, quasi “n” definizioni” della Programmazione Neuro-Linguistica.

Quindi è meglio iniziare con un cenno davvero minimo di storia: si legge abbastanza comunemente su diversi siti dedicati che nel 1970 due “menti creative” dell’Università di Santa Cruz, California, appartenenti una ad uno studente di psicologia e di matematica (Richard Bandler) e l’altra ad un giovane professore laureato in filosofia e linguistica (John Grinder), crearono la Programmazione Neuro-Linguistica. Partirono dalla frequentazione e dallo studio dei modelli terapeutici di Fritz Salomon Perls (psicoterapeuta e psichiatra tedesco trasferitosi nel 1947 negli Stati Uniti, autore del testo cardine della Psicologia della Gestalt, Gestalt Therapy), di  Virginia Satir, (psicologa e psicoterapeuta americana, tra le più grandi pioniere della terapia della famiglia) e di Milton H. Erickson, forse il più famoso medico ipnoterapeuta.

Scrissero anche due testi, l’inizio di una ricca produzione sull’argomento, soprattutto da parte di Bandler: La Struttura della Magia e I modelli della Tecnica Ipnotica di M. Erickson.

Ad ogni modo, ecco una tra le definizioni più diffuse e forse più calzanti (quando vi sarete occupati di PNL potrete avere la vostra opinione):la PNL è la scienza dell’eccellenza umana.

  

COSA SIGNIFICA PROGRAMMAZIONE NEURO-LINGUISTICA?

Spesso si tende a dare una definizione di ciascuna delle tre parti che compongono il nome. Quindi, seguendo l’ordine del nome in inglese e cioè Neuro-Linguistic Programming (NLP) abbiamo:

Neuro, con riferimento alla nostra neurologia, cioè alla fisiologia del sistema nervoso come insieme di organi specifici funzionalmente connessi e spesso, ma non necessariamente, contigui da cui dipende ogni nostro comportamento;

Linguistic (Linguistica), il linguaggio. Il linguaggio è non solo lo strumento del nostro dialogo con gli altri, attraverso gli elementi della parola, della sintassi e della semantica. Attraverso i medesimi elementi il linguaggio si rivela essere anche lo strumento del nostro cosiddetto “dialogo interiore”, cioè del modo in cui parliamo a noi stessi al fine di organizzare il nostro comportamento;

Programming (Programmazione), con riferimento alla nostra neurologia come se fosse un “computer”, il cui software è rappresentato dalle strategie e dai programmi con cui organizziamo e guidiamo il nostro comportamento. Vi sembra riduttivo?....

…Aspettate di vedere, ascoltare e sentire cosa siete in grado di fare dal momento che voi diventerete i “programmatori” di questo splendido sistema che è la vostra mente!

In realtà Richard Bandler in persona dà una versione un po’ diversa della creazione del termine Neuro-Linguistic Programming….eh, ma per conoscerla bisogna frequentare il corso…

 

  

COSA PUOI OTTENERE CON LA PNL?

Partiamo da un presupposto di cui facciamo comunemente esperienza: la comunicazione che utilizzo con me stesso e con gli altri determina non solo le mie risposte e i miei comportamenti ma anche risposte e comportamenti delle persone con le quali interagisco, e quindi, in definitiva, determina la qualità della mia vita e di quella degli altri.

Quindi, cosa ottengo grazie alla PNL?

La capacità di padroneggiare in maniera consapevole la comunicazione verbale e non verbale (oltre che paraverbale), allo scopo di comprendere me stesso, le mie ragioni  e i miei obbiettivi e nel contempo (udite, udite! o meglio sentite, sentite! o insomma leggete, leggete!) di farmi comprendere ed intendere dalle altre persone (finalmente!), passando attraverso la comprensione delle loro ragioni e dei loro obbiettivi! Fantastico vero?! Fenomenale vero?!

La capacità di riconoscere e gestire il proprio stato d’animo, al fine di ottenere più sicurezza, più autostima, più efficacia. Saper passare da uno stato cosiddetto “depotenziante” ad uno stato definito “risorsa” implica la capacità di saper ribaltare, quasi sempre, l’esito di una situazione difficile: quindi la capacità di scegliere ciò che ci fa star bene. Vuol dire scegliere una vita più felice! Quindi, per esempio:

  • Evitare di arrabbiarti

  • Eliminare facilmente comportamenti o abitudini indesiderate (mangiare male o troppo, bere, fumare, non fare esercizio fisico, non chiamare i clienti, procrastinare…)

  • Sostituire comportamenti e abitudini indesiderate con i comportamenti e le abitudini che vuoi e sono più utili per te (mangiare bene, bere nei momenti di piacere, fumare nei momenti di piacere, fare esercizio fisico, chiamare i clienti e divertirsi, fare quello che serve al momento giusto, agire…)

  • Acquisire velocemente e facilmente le strategie e i comportamenti di persone di successo

  • Eliminare fobie

  • eccecc

   

A QUALI ESIGENZE RISPONDE LA PNL?

Avrete compreso quindi come in molti tipi di terapia, nel coaching, nell’educazione, nella vendita e nel business la PNL sia diventata uno strumento fondamentale. Per cosa? Per manipolare? Oppure per diventare consapevoli delle dinamiche comunicative reciproche in modo da perseguire la logica del “win-win”, cioè del “vinco io e vinci anche tu”, e cioè vincono tutte le persone coinvolte, per esempio in modo da:

  • Evitare il conflitto di opinioni

  • Utilizzare in modo efficace il processo della delega

  • Essere efficace nella gestione delle risorse umane

  • Trasformare gruppi di lavoro in squadre vincenti

  • Vendere efficacemente

  • Negoziare in modo elegante ed efficace

    

 

 Link

 

 

 


Per offrirti il miglior servizio possibile questo sito utilizza cookies. Continuando la navigazione nel sito acconsenti al loro impiego.